archivio news

Adolescenti e Social Network: Facebook, l’età minima per accedervi e la presenza di gruppi che esaltano discriminazione e violenza.

Facebook, in 6 anni è diventato il social network più popolare al mondo: sono 350 milioni, di cui circa 18 milioni in Italia, coloro che hanno un profilo attivo (Cfr. Nota 1). Pare che il 71,1% degli adolescenti italiani ne possieda uno (Cfr. Nota 2).

Generalmente l’età minima per poter creare un account su Facebook è di 13 anni. Proprio in questi giorni, in Spagna, Facebook ha dovuto cedere alle insistenze dell’Agenzia spagnola per la protezione dei dati personali e ha comunicato che l’età minima per iscriversi dalla Spagna - e per ora solo dalla Spagna, non in altri Paesi - salirà a 14 anni, nel rispetto della normativa nazionale che consente solo a chi ha già compiuto almeno 14 anni di diffondere in rete i propri dati e informazioni personali, condividendoli più o meno consapevolmente con sconosciuti.

I Gruppi che vengono aperti su Facebook coinvolgono persone che condividono una medesima idea, lo stesso interesse o un aspetto in comune (interesse musicale, frequentazione della stessa scuola, dello stesso locale, passione per lo stesso film, attore o cantante, ecc…). I gruppi attivi su Facebook sono “aperti”, qualsiasi utente può iscriversi, leggerne i contenuti pubblicati e partecipare attivamente.

In proposito si rileva con grave preoccupazione che è stato possibile aprire un gruppo denominato "Giochiamo al tiro al bersaglio con i bambini Down", e che questo in poco tempo ha contato oltre 1.700 iscritti. Il gruppo è stato in seguito oscurato.

Sono invece ancora attivi numerosi gruppi razzisti e xenofobi: tra ottobre e novembre 2009, i gruppi attivi anti-immigrati erano circa 350, 400 quelli anti ‘terroni’ e napoletani, 300 anti zingari e un centinaio anti-musulmani; alcuni di questi arrivavano ad avere fino a 5-7000 iscritti (Cfr. Nota 3).

Proliferano quindi i gruppi che esaltano la discriminazione, anche con toni violenti, e che sono accessibili anche agli adolescenti.

La Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Convention on the Rights of the Child - CRC) afferma il diritto all’informazione (art.17 CRC) e alla libertà di espressione (art.13 CRC) ma dispone anche (art. 17 CRC) che “gli Stati parti […] vigilano affinché il fanciullo possa accedere a una informazione e a materiali provenienti da fonti nazionali e internazionali varie, soprattutto se finalizzati a promuovere il suo benessere sociale, spirituale e morale nonché la sua salute fisica e mentale”.

Ciò evidenzia la necessità di approfondire la riflessione, oltre che sulla responsabilità di chi gestisce i social network, sulla tutela e la sensibilizzazione dei bambini e degli adolescenti rispetto ad un utilizzo sicuro e responsabile dei nuovi media, e sull’assunzione della responsabilità anche da parte degli utenti che utilizzano quotidianamente Facebook e che possono segnalare eventuali abusi o utilizzi inadeguati del social network.

Note:

- Nota 1: Fonte Il Sole24ore
- Nota 2: Fonte 10° Rapporto Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza di Telefono Azzurro e Eurispes
- Nota 3: Fonte ’’Io e gli altri. I giovani italiani nel vortice dei cambiamenti’’, ricerca realizzata dall’Istituto Swg e promossa dalla Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome, presentata alla Camera dei Deputati il 18 febbraio u.s..

Per approfondimenti, si veda:

- Principi Generali della CRC
- Diritti civili e libertà
- 2° Rapporto Supplementare alle Nazioni Unite sul monitoraggio 
della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia

<< ARCHIVIO NEWS

<<  Settembre 2014   >>
lumamegivesado
123467
891011121314
15161718192021
22232425262728
293012345
Day of General Discussion 2014 - Digital media and children’s rights

Ginevra, 12 settembre 2014 La giornata annuale di (...)

Terzo Protocollo alla CRC, il Consiglio dei Ministri ha approvato il Disegno di legge di ratifica

Il 10 luglio 2014, su proposta del Ministro degli (...)

Osservatorio nazionale Infanzia e Adolescenza, nominati i nuovi componenti

Il 17 giugno 2014 il Ministro del lavoro e delle (...)

archivio news