archivio news

Diritti dell’infanzia: la Commissione Europea apre una consultazione pubblica

La Consultazione è attiva dall’11 giugno al 20 agosto 2010 ed aperta ai cittadini, agli enti pubblici e alle associazioni

Al mondo d’oggi bambini e adolescenti si trovano spesso in situazioni difficili, che usino internet, siano migranti o debbano testimoniare in giudizio. È quindi doveroso proteggerne e promuoverne i diritti. Sono impaziente di sentire cosa propongono tutte le parti interessate per tutelare al meglio gli interessi e i diritti dei minori. Questa la dichiarazione di Viviane Reding, Commissaria europea per il portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza, al lancio della consultazione pubblica della Commissione Europea su una nuova strategia dell’UE che riguarda i diritti dei bambini, delle bambine, e degli adolescenti europei.

L’attività fa parte della comunicazione "Verso una strategia dell’Ue sui diritti dei minori", adottata il 4 luglio 2006 dalla Commissione Europea per promuovere e salvaguardare efficacemente i diritti dei minori nelle politiche interne ed esterne dell’Unione europea.

Obiettivo della consultazione è rendere più efficaci le politiche dell’UE nel promuovere i diritti dei minori, migliorare la strategia e trovare nuove azioni in grado di rilanciarla per il periodo 2011-2014. A tal fine, la Commissione Europea ha ritenuto importante attingere all’esperienza dei cittadini, delle organizzazioni, associazioni, organi, istituzioni ed esperti che lavorano con i minori a partire dal territorio fino ai livelli internazionali.

La consultazione esplora tematiche specifiche, individuate da operatori attivi nell’ambito del Forum europeo per i diritti dei minori: la giustizia a misura di minore e la partecipazione dei minori al sistema giudiziario, le politiche della giustizia a tutela dei diritti dei minori (ad esempio nell’ambito della mediazione familiare), la protezione di categorie vulnerabili di minori (vittime di violenza, sfruttamento sessuale e tratta, o minori che vivono in povertà); la partecipazione dei minori all’elaborazione delle politiche che li riguardano. [Cfr Nota 1]

Per partecipare alla consultazione:
- Se rappresenti un’associazione CLICCA QUI;
- Se rappresenti un ente pubblico, invia una mail a JLS-CHILDREN-RIGHTS@ec.europa.eu – Oggetto della mail: Consultation on the European Commission’s Communication on the Rights of the Child (2011-2014) - public authority;
- Se sei un cittadino scrivi una mail a JLS-CHILDREN-RIGHTS@ec.europa.eu – Oggetto della mail: Consultation on the European Commission’s Communication on the Rights of the Child (2011-2014) - citizen

La Commissione pubblicherà una relazione di sintesi di tutti i contributi e si servirà degli esiti della consultazione per redigere una nuova comunicazione sui diritti dei minori per il periodo 2011-2014.[Cfr Nota 1].

Inoltre, la Commissione sta svolgendo uno studio specifico che sarà pubblicato ad ottobre, finalizzato a ottenere un contributo da parte dei minori stessi, anche nell’ambito di gruppi di riflessione (focus group).

Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Per leggere il Questionario CLICCA QUI

- Note:
Nota 1: fonte Comunicato Stampa diffuso dalla Commissione Europea

- Per ulteriori approfondimenti, si vedano anche:
- Principi generali della CRC
- Principi generali della CRC
- Archivio news

<< ARCHIVIO NEWS

Eletto in Puglia il nuovo Garante infanzia

Ludovico Abbaticchio, medico specializzato nella salute (...)

Diminuisce l’obesità infantile: meno 13 per cento in 10 anni

Lo rivela l’indagine promossa dal Sistema di Sorveglianza

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news