Misure speciali per la tutela dei minori

Il fenomeno dello sfruttamento e dell’abuso sessuale: premessa

L’articolo 19 della Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Convention on the Rights of the Child - CRC) dispone che gli Stati parti adottano ogni misura legislativa, amministrativa, sociale ed educativa per tutelare il minore contro ogni forma di violenza, di oltraggio o di brutalità fisiche o mentali, di abbandono o di negligenza, di maltrattamenti o di sfruttamento, compresa la violenza sessuale, per tutto il tempo in cui è affidato all’uno o all’altro, o a entrambi, i genitori, al suo tutore legale (o tutori legali), oppure a ogni altra persona che abbia il suo affidamento.

Le suddette misure di protezione comporteranno, in caso di necessità, procedure efficaci per la creazione di programmi sociali finalizzati a fornire l’appoggio necessario al fanciullo e a coloro ai quali egli è affidato, nonché per altre forme di prevenzione, e ai fini dell’individuazione, del rapporto, dell’arbitrato, dell’inchiesta, della trattazione e dei seguiti da dare ai casi di maltrattamento del fanciullo di cui sopra; esse dovranno altresì includere, se necessario, procedure di intervento giudiziario.
L’articolo 34 aggiunge che gli Stati parti si impegnano a proteggere il fanciullo contro ogni forma di sfruttamento sessuale e di violenza sessuale.
A tal fine, gli Stati adottano in particolare ogni adeguata misura a livello nazionale, bilaterale e multilaterale per impedire:
a) che dei fanciulli siano incitati o costretti a dedicarsi a una attività sessuale illegale;
b) che dei fanciulli siano sfruttati a fini di prostituzione o di altre pratiche sessuali illegali;
c) che dei fanciulli siano sfruttati ai fini della produzione di spettacoli o di materiale a carattere pornografico.

L’Italia ha inoltre ratificato il Protocollo Opzionale alla CRC sulla vendita di bambini, la prostituzione dei bambini e la pornografia rappresentante bambini (Optional Protocol to the Convention on the Rights of the Child on the sale of children, child prostitution and child pornography – OPSC) con la Legge n. 46 dell’11 marzo 2002 e, a maggio 2004, due anni dopo la ratifica, il Comitato Interministeriale dei diritti umani (CIDU) del Ministero degli Affari Esteri ha inviato il Primo Rapporto sullo stato di attuazione dell’OPSC in Italia.
* Il testo è disponibile soltanto in lingua inglese (CRC/C/OPSC/ITA/1, 14 July 2005.
Il 2 giugno 2006 il Comitato ONU ha reso note le Osservazioni Conclusive sullo stato di attuazione dell’OPSC relative all’esame del primo Rapporto governativo. Le successive informazioni relative all’applicazione dell’OPSC in Italia dovranno essere inserite nel Rapporto periodico sullo stato di attuazione della CRC, che il Governo italiano deve inviare ogni 5 anni al Comitato ONU.

Il Gruppo CRC in ciascun Rapporto di aggiornamento ha monitorato lo stato di attuazione della CRC e delle raccomandazioni del Comitato ONU con particolare riferimento al fenomeno del turismo sessuale, della pedo-pornografia, della prostituzione minorile e dell’abuso, sfruttamento sessuale e maltrattamento di bambini, bambine e adolescenti sia in ambito intra-familiare che extrafamiliare.

Per maggiori approfondimenti si veda il Piano Nazionale di prevenzione e contrasto dell’abuso e dello sfruttamento sessuale dei minori 2015-2017 presentato il 18 novembre dall’Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile.

Glossario:
Turismo sessuale a danno di minori
Viaggiare finalizzato a ottenere da minori (bambini/e) del luogo di destinazione prestazioni sessuali a pagamento (in natura e/o in denaro).

Pedo-pornografia
Per pornografia rappresentante bambini si intende qualsiasi rappresentazione, con qualsiasi mezzo, di un
bambino dedito ad attività sessuali esplicite, concrete o simulate o qualsiasi rappresentazione degli organi sessuali di un bambino a fini soprattutto sessuali» Art. 2, lett. c) del Protocollo Opzionale alla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza sulla vendita di bambini, la prostituzione dei bambini, e la pornografia rappresentante bambini.

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

La legge per i minori stranieri non accompagnati è realtà

Approvata lo scorso 29 marzo in via definitiva alla (...)

Migranti, terzo Rapporto sulla protezione internazionale

Presentato lo scorso 16 novembre è stato curato da (...)

archivio news