archivio news

Povertà ed esclusione sociale

Rischio di povertà più elevato tra i minori.
Nel 2010, 115 milioni di persone, vale a dire il 23,4% della popolazione dell’Unione Europea, erano a rischio di povertà o di esclusione sociale, il 27% di questi erano bambini e ragazzi.

L’8 febbraio 2012 sono stati pubblicati i risultati dello studio Eurostat Statistics in Focus 9/12 svolto da Eurostat sulla povertà e l’esclusione sociale.

Bulgaria (42%), Romania (41%), Lettonia (38%), Lituania (33%) Ungheria (30%), i Paesi con un più alto tasso di povertà e di esclusione sociale. Tra i più bassi, si registrano Repubblica Ceca (14%), Svezia e Olanda (entrambe al 15%), Austria, Finlandia e Lussemburgo (17%) [Cfr. Nota 1].

I bambini sono maggiormente a rischio di povertà o di esclusione sociale rispetto al resto della popolazione. Nei 27 paesi dell’Unione Europa nel 2010, il 27% dei bambini e ragazzi al di sotto dei 18 anni sono stati colpiti da almeno una delle tre forme di povertà o di esclusione sociale, rispetto al 23% della popolazione in età lavorativa (18-64) e del 20% degli anziani (65 anni).

Le maggiori differenze tra il rischio di povertà dei bambini e quello della popolazione totale sono state osservate in Ungheria, Romania, Regno Unito e Lussemburgo. La situazione è relativamente migliore per i bambini rispetto agli adulti in Danimarca, Slovenia, Finlandia e Svezia. In questi ultimi, la percentuale di bambini che vivevano in una famiglia a rischio di povertà o di esclusione sociale variava dal 14-15%, mentre in Lettonia, Bulgaria e Romania si va oltre il 40%. [Cfr. Nota 1].

Secondo lo Studio, sono 3 i principali fattori che influenzano la povertà infantile:
- la situazione lavorativa dei genitori
- la composizione del nucleo familiare
- l’efficacia degli interventi sociali (sostegno al reddito e fornitura di servizi abitativi).

I bambini sono risultati essere i più colpiti in 20 Stati europei. In Italia nel 2010 erano a rischio povertà 28,9% bambini e ragazzi, contro il 24,7% della popolazione attiva e 20,3% dei pensionati

Diventa sempre più forte la necessità di predisporre degli standard minimi a livello nazionale per il contrasto alla povertà minorile, così come ribadito dal Gruppo CRC nel Secondo Rapporto Supplementare, già nel 2009.

- Note:
Nota 1: comunicato stampa di Eurostat

- Per ulteriori approfondimenti, si veda anche:
Salute e assistenza. Standard di vita. La condizione dei bambini e degli adolescenti poveri
Povertà infantile: a rischio 20 milioni di minori in Europa
Verso il 2010: Anno europeo della lotta alla povertà e all’esclusione sociale

<< ARCHIVIO NEWS

Povertà educativa, 1200 proposte per combatterla

Sono quasi 1200 le proposte per combattere la povertà (...)

In Aula al Senato il ddl povertà

In Aula al Senato il ddl povertà Il ddl povertà, (...)

Ddl minori non accompagnati in Aula al Senato

E’ approdato in Aula al Senato il ddl “Disposizioni in (...)

archivio news