archivio news

Vincenzo Spadafora, primo Garante per l’Infanzia e l’adolescenza in Italia

A vent’anni dalla ratifica della Convenzione Onu sui diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza (CRC) - 27 maggio 1991 - l’Italia ha finalmente nominato il Garante nazionale, figura centrale e di riferimento per l’attuazione e la promozione dei diritti dell’infanzia.

Il ruolo è stato affidato dai Presidenti di Camera e Senato a Vincenzo Spadafora, già Presidente del Comitato Italiano per l’Unicef.

Dal 2001, anno della sua creazione, il Gruppo CRC ha costantemente seguito l’iter legislativo ribadendo in varie sedi, da ultimo a Ginevra presso le Nazioni Unite nel corso dell’esame dell’Italia avvenuto quest’anno, l’importanza e l’urgenza dell’istituzione del Garante nazionale e la necessità, così come sottolineato dal Comitato ONU per l’infanzia e l’adolescenza, che questa figura fosse indipendente e autonoma.

Dopo l’entrata in vigore il 3 agosto scorso della legge 12 luglio 2011 n° 112 che ha istituito la figura del Garante nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza come "organo monocratico […] di notoria indipendenza specifiche e comprovate professionalità, competenza ed esperienza nel campo dei diritti delle persone di minore età" (art.1 Legge n°112), Vincenzo Spadafora è stato nominato lo scorso 30 novembre.

La nomina del Garante nazionale per l’Infanzia rappresenta un passo davvero importante per la promozione e la realizzazione dei diritti di tutti i bambini e ragazzi che vivono in Italia.

L’autorità’ garante dovrà assicurare “idonee forme di collaborazione con i garanti regionali dell’infanzia e dell’adolescenza o con figure analoghe, che le regioni possono istituire con i medesimi requisiti di indipendenza, autonomia e competenza esclusiva in materia di infanzia e adolescenza previsti per l’autorità garante.” (art.3 comma 6 – Legge n°112)

A livello regionale negli ultimi 5 anni si è assistito ad un progressivo aumento del numero di leggi istitutive di questa figura, ad oggi approvate da parte di tutte le Regioni, tranne Sicilia e Valle d’Aosta. Anche se il Garante per l’infanzia e l’adolescenza è stato nominato solo in alcune Regioni italiane. In particolare, al momento vi sono nove Garanti rispettivamente in Veneto, Molise, Lazio, Marche, Provincia autonoma di Bolzano, Calabria, Liguria, Emilia Romagna e Puglia. In Liguria In via transitoria e fino all’effettiva istituzione del Garante per l’infanzia il Difensore Civico esercita le sole funzioni di garanzia e tutela dei diritti dei minori.

Per leggere il comunicato stampa diffuso dal Gruppo CRC per la nomina del Garante nazionale, CLICCA QUI.

- Per ulteriori informazioni si vedano anche:
Garante regionale per l’Infanzia e l’Adolescenza: nominato in Puglia e in Emilia Romagna
Misure generali di attuazione della CRC in Italia - Garante per l’infanzia
2° Rapporto Supplementare alle Nazioni Unite sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia da pagina 27 a pagina 30
Archivio news - Garante Infanzia: fermato l’Iter Legislativo alla Camera
Archivio news - Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza: a che punto siamo?
Garante nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza: trasmesso al Senato il Disegno di Legge approvato alla Camera il 16 marzo 2011

<< ARCHIVIO NEWS

Povertà educativa, 1200 proposte per combatterla

Sono quasi 1200 le proposte per combattere la povertà (...)

In Aula al Senato il ddl povertà

In Aula al Senato il ddl povertà Il ddl povertà, (...)

Ddl minori non accompagnati in Aula al Senato

E’ approdato in Aula al Senato il ddl “Disposizioni in (...)

archivio news