archivio news

Approvato alla Camera il ddl cittadinanza

Il 13 ottobre è stato approvato il testo di modifica alla legge sulla cittadinanza con 310 sì contro 66 no e 83 astenuti e ora si attende il proseguimento dell’iter al Senato.
Per diventare cittadini italiani saranno disponibili due nuovi strumenti: ius soli temperato e ius culturae.
I nati in Italia saranno italiani per nascita se almeno uno dei genitori è in possesso di un permesso di soggiorno per lungo soggiornanti UE, mentre i cittadini di altri Stati membri, invece, dovranno essere in possesso del ‘diritto di soggiorno permanente’. I bambini non nati in Italia ma arrivati nel nostro Paese entro i 12 anni dovranno prima frequentare uno o più cicli scolastici per almeno 5 anni.
Per l’acquisto della cittadinanza sarà necessaria una dichiarazione di volontà presentata in Comune da un genitore entro il compimento della maggiore età del figlio, altrimenti questo potrà presentarla tra i 18 e i 20 anni.
I ragazzi arrivati in Italia entro i 18 anni potranno invece diventare cittadini italiani dopo 6 anni di regolare residenza e dopo aver concluso un ciclo scolastico o un percorso di formazione professionale.
E’ stata inserita infine una norma transitoria per coloro che hanno superato il 20esimo anno d’età, ma al contempo possiedono i requisiti previsti dalla nuova legge. Questi ultimi potranno diventare italiani se giunti in Italia almeno a 12 anni, e se hanno frequentato in Italia per almeno 5 anni uno o più cicli scolastici e hanno risieduto ‘legalmente e ininterrottamente negli ultimi 5 anni nel territorio nazionale.

Per approfondimenti: Il testo approvato alla Camera, assegnato alla I Commissione Affari Costituzionali al Senato

<< ARCHIVIO NEWS

Pubblicato il 15 novembre in Gazzetta il IV Piano Infanzia

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 15 novembre (...)

Nuovo Piano per il contrasto della pedofilia

Condiviso nell’ambito dell’Osservatorio per il contrasto (...)

Un anno di nuovi garanti regionali, ma ancora non sono tutti

Nel 2016 nuove nomine di Garanti Regionali. Sono (...)

archivio news