archivio news

Nuova legge sull’affido

La Camera dei Deputati nella seduta del 14 ottobre ha definitivamente approvato, senza modifiche, la proposta di legge n. 2957 , già approvata dal Senato a marzo 2015, dal titolo “Modifica alla legge 4 maggio 1983/1983 n. 184 sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare”, la cui approvazione veniva auspicata anche nell’8° Rapporto CRC.

La nuova legge sancisce che “Qualora, a seguito di un prolungato periodo di affidamento, il minore sia dichiarato adottabile e qualora, sussistendo i requisiti previsti dall’articolo 6, la famiglia affidataria chieda di poterlo adottare, il giudice, nel decidere sull’adozione, tiene conto dei legami affettivi significativi e del rapporto stabile e duraturo consolidatosi tra il minore e la famiglia affidataria”. La necessità di assicurare nel superiore interesse del minore “la continuità delle positive relazioni socio-affettive consolidatesi durante l’affidamento” con gli affidatari va tenuta in considerazione anche quando il minore“fa ritorno nella famiglia di origine o sia dato in affidamento ad un’altra famiglia o sia adottato da altra famiglia”.

Dai dati del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali emerge che al 31 dicembre 2012 erano 6.750 i minorenni affidati a parenti (6.986 alla stessa data nel 2011) e 7.444 quelli affidati a terzi (7.441 alla stessa data nel 2011), per un totale complessivo di 14.191 affidamenti familiari.

<< ARCHIVIO NEWS

Miur, oltre 800 mila gli alunni con cittadinanza non italiana

Sono quasi 815.000 gli alunni stranieri in Italia. Lo (...)

Una legge contro il cyberbullismo

Approvate in via definitiva il 17 maggio scorso le (...)

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news