I principi generali della CRC

L’ascolto del minore in ambito giudiziario

L’art. 12 comma 2 della Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Convention on the Rights of the Child - CRC) afferma che i bambini, le bambine, ragazzi e le ragazze devono avere la possibilità di essere ascoltati in ogni procedura giudiziaria o amministrativa che li riguarda, sia direttamente sia tramite un rappresentante o un organo appropriato.

Con Legge n. 77 del 20 marzo 2003 l’Italia ha ratificato la Convezione europea sull’esercizio dei diritti dei minori (adottata dal Consiglio d’Europa a Strasburgo il 25 gennaio 2006).
Nel Preambolo si riconosce che i minori dovrebbero ricevere informazioni pertinenti affinché i loro diritti e i loro interessi superiori possano essere promossi e affinché la loro opinione sia presa in debita considerazione e nel capitolo II si indicano quali misure di ordine procedurale dovrebbero essere adottate per promuovere l’esercizio dei diritti dei minori.

Il Comitato ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nelle Osservazioni Conclusive del 2003 al punto 26 ha raccomandato che:
(a) la legislazione che disciplina la procedura nei tribunali e nei procedimenti amministrativi assicuri che un bambino capace di formarsi le proprie opinioni abbia il diritto di farlo, e che a esse venga data la dovuta considerazione;
(c) venga rafforzata l’azione generale di sensibilizzazione, e in particolare nell’istruzione e nella formazione dei professionisti relativamente all’attuazione di questo principio.

Nelle Osservazioni Conclusive del 2011 al punto 27 il Comitato ONU raccomanda all’Italia di:
(a) adottare una normativa organica che stabilisca il diritto dei minori di essere ascoltati nelle questioni che li riguardano, applicabile in tutti i tribunali, enti amministrativi, istituzioni, scuole, enti di assistenza all’infanzia e famiglie, adottando le misure necessarie per consentire
l’ascolto diretto delle opinioni dei minori e, contemporaneamente, prevedendo tutele e meccanismi adeguati per garantire che tale
partecipazione possa svolgersi in modo efficace e in assenza di manipolazioni o intimidazioni, con il supporto di opinioni di esperti dei servizi interessati nei casi opportuni;
(b) formuli direttive per la nomina di curatori speciali dei minori nei casi di adozione.

- Leggi l’analisi e le raccomandazioni del Gruppo CRC sull’ascolto del minore in ambito giudiziario
3° Rapporto CRC 2006-2007
4° Rapporto CRC 2007-2008
2° Rapporto Supplementare CRC 2009

5° Rapporto CRC 2011-2012
6° Rapporto CRC 2012-2013
7° Rapporto CRC 2013-2014
8° Rapporto CRC 2014-2015
9° Rapporto CRC 2015-2016

Approfondimento: Il 17 dicembre 2007 il Gruppo CRC nell’ambito delle attività di formazione/informazione per le Associazioni del Gruppo CRC ha realizzato il Seminario “Il diritto all’ascolto dei minori in ambito giudiziario: normativa e prassi a confronto”
- Visualizza e scarica invito, programma e interventi dei relatori.

- Documenti e siti internet di riferimento sull’argomento:
Legge 149/2001
Legge 54/2006
D.Lgs. 28 dicembre 2013 n. 154 – recante ”Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, ai sensi dell’articolo 2 della Legge 10 dicembre 2012 n. 219” – ha disciplinato l’audizione del minore d’età nelle procedure in cui devono essere adottati provvedimenti che lo riguardano

Eletto in Puglia il nuovo Garante infanzia

Ludovico Abbaticchio, medico specializzato nella salute (...)

Diminuisce l’obesità infantile: meno 13 per cento in 10 anni

Lo rivela l’indagine promossa dal Sistema di Sorveglianza

Al via il reddito di inclusione, priorità a famiglie con minori

La delega al Governo prevede il varo del reddito di (...)

archivio news