Premessa

Con l’entrata in vigore della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (Convention on the Rights of the Child – CRC) la titolarità dei diritti civili e delle libertà fondamentali viene espressamente riconosciuta anche alle persone di minore età. Di conseguenza, la promozione, il rispetto e la tutela di tali diritti, che fino a quel momento erano considerate…

Il diritto alla registrazione e alla cittadinanza

Il diritto alla registrazione e alla cittadinanza L’articolo 7.1 della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza afferma che “Il fanciullo è registrato immediatamente al momento della sua nascita e da allora ha diritto a un nome, ad acquisire una cittadinanza (…)”. Da qui il diritto alla registrazione e alla cittadinanza di ogni bambino e bambina,…

Il diritto della partoriente a decidere in merito al riconoscimento del proprio nato ed il diritto del minore all’identità

A partire dalle Osservazioni Conclusive del 2003 (punto 28) relative al rispetto del diritto del bambino a conoscere l’identità dei propri genitori naturali, il Comitato ONU ha periodicamente inviato all’Italia raccomandazioni sul tema. A partire dal 2006, il Gruppo CRC ha iniziato una riflessione volta anche ad approfondire la conoscenza della normativa italiana, organizzando una…

Il diritto alla libertà di associazione

L’articolo 15 della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (CRC) chiede agli Stati parti di riconoscere i diritti del fanciullo alla libertà di associazione e alla libertà di riunirsi pacificamente. Tale argomento è stato oggetto di monitoraggio da parte del Gruppo CRC che ne ha trattato nel 1° e 2° Rapporto Supplementare CRC e poi…

Il diritto del minore alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione

L’articolo 14 della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza riconosce alle persone di età minore la libertà di pensiero, di coscienza e di religione, e richiede agli Stati parti di rispettare tali diritti. In seguito alle Osservazioni Conclusive del 2003 (punto 30) e le Osservazioni Conclusive del 2011 (punto 31) avanzate dal Comitato ONU, il Gruppo CRC ha…

Minori e nuovi media

In considerazione della progressiva rilevanza che le tecnologie digitali ed i media hanno assunto nella vita dei bambini, delle bambine e degli adolescenti in Italia, nell’ambito del monitoraggio dell’attuazione della Convenzione sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (CRC), il Gruppo CRC analizza periodicamente il rapporto tra i minori e le tecnologie in Italia. In particolare, considerato che gli…

Il diritto del fanciullo di non essere sottoposto a tortura o a pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti

L’articolo 37 della Convenzione sui Diritti dell’Infanzie e dell’Adolescenza richiede agli Stati parti di vigilare affinché “nessun fanciullo sia sottoposto a tortura o a pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti”. L’articolo fa riferimento nello specifico alla privazione della libertà e alle condizioni di imprigionamento, arresto e detenzione di una persona di età minore. A…